I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Nota Carolina

“Una laurea in scienze della comunicazione e cinque anni di lavoro in una tv locale del Piemonte

non mi sono bastati per acquisire sicurezza e competenza nello svolgere il mestiere che ho sempre sognato fare fin da bambina: la giornalista.
 Un corso di scrittura giornalistica era proprio ciò che cercavo spinta dall'idea di poter investire il mio tempo libero, giacché ero disoccupata, per qualcosa di utile alla mia formazione professionale in attesa di un nuovo lavoro. Alla scuola di giornalismo e relazioni pubbliche Carlo Chiavazza di Torino, ho così potuto frequentare un corso pratico, condotto da firme della carta stampata e non solo, che mi ha permesso di cogliere aspetti importanti, suggerimenti utili e soprattutto acquisire le regole fondamentali del giornalismo. Un preziosissimo bagaglio culturale che ora porto con me nella mia nuova professione che, da qualche mese, mi vede impegnata in una azienda torinese come addetta stampa e per un’associazione di categoria come presidente.

Carolina Nota. Esercitazione in classe, gennaio 2011.  Il tema: “Il personaggio che vorrei intervistare”. Colloquio immaginario con il presiidente del Torino Calcio.

Urbano CairoCAIRO  A SORPRESA: VI DICO
A CHI VENDO IL TORINO

"Vendo il Torino". Questa sembra la volta buona. Urbano Cairo, 56 anni, presidente del Torino Calcio dal 2005, ha dichiarato di aver venduto la società  ad un giovane e importante imprenditore piemontese di cui, per ora, non ha voluto fare il nome. Ha deciso nella fase cruciale del campionato, nel momento in cui la squadra granata è a venti punti dalla vetta della classifica di serie B.

Presidente Cairo, perché ha deciso di vendere proprio adesso?
E’ nota da tempo la mia volontà di lasciare la società soprattutto dopo le  intemperanze dei tifosi e le pesanti critiche che mi sono state rivolte lo scorso anno. Senza la fiducia dei tifosi e della squadra non me la sento di continuare. Aspettavo soltanto di incontrare la persona giusta. Il momento è arrivato.

Tutti vorrebbero sapere chi è questo giovane imprenditore …
Per ora non dico nulla, fino ad affare concluso.

Almeno dica cosa l’ha convinta della persona alla quale ha deciso di vendere.
E’ tifosissimo del Toro, ha ottime capacità imprenditoriali ed economiche e ha grandi idee. Sono certo che saprà portare avanti una squadra importante come il Torino.

Cosa si sente di dire ai tifosi?
Dico  che cinque anni di presidenza al Toro sono stati indimenticabili. Cedo e affido  la mia squadra  ad una persona che saprà certamente conquistare la fiducia dei tifosi e non solo.

Che cosa augura al nuovo presidente?
Tantissime  vittorie.

Iscrizione Newsletter

Riceverai notizie sulle nostre iniziative

Il mestiere del giornalista? Lo imparo in classe

Mafalda

Vai all'inizio della pagina